Il circolo della stanza accanto

«Si comincia con uno spazio bianco. Non dev'essere necessariamente carta o tela, ma secondo me dev'essere bianco. Noi diciamo bianco perché abbiamo bisogno di una parola, ma la definizone giusta è «niente». Il nero è l'assenza della luce, ma il bianco è l'assenza della memoria, il colore del non ricordo. Come ricordiamo di ricordare? È una domanda che mi sono posto spesso dopo Duma Key, spesso nelle ore piccole della notte, perdendo lo sguardo nell'assenza della luce, ricordando amici assenti. Certe volte in quelle ore piccole penso all'orizzonte. Bisogna stabilire l'orizzonte. Bisogna segnare il bianco. Un atto abbastanza semplice, direte, ma ogni atto che rifà il mondo è eroico. O così sono giunto a concludere.» Stephen King

Dicembre 2012

Da “Casalmaggiore” del Dicembre 2012

Auguri … e mocassini

“Grande Spirito, aiutami a non giudicare un altro, se prima non ho camminato nei suoi mocassini per due settimane.” (Antico detto Sioux )

Cari soci ed amici, approfitto del numero natalizio di “Casalmaggiore” per iniziare a collaborare con la redazione, che ringrazio per il gradito invito a portare i miei pensieri su queste pagine. In questo spazio potremo approfondire insieme alcune tematiche legate al mondo del volontariato casalasco. Non dimentichiamoci che anche noi facciamo parte di un’associazione nata e cresciuta negli anni grazie alla sensibilità ed al lavoro di tanti concittadini che gratuitamente donano il proprio tempo alla nostra città e quindi, per questa volta restiamo entro i confini del nostro sodalizio e diamo uno sguardo a quello che succede in Pro Loco. La realtà locale in cui operiamo è sempre più complicata. Ormai è risaputo che viviamo in un periodo di crisi economica molto forte e chi fa un’attività come la nostra sul territorio spesso viene penalizzato a causa della carenza di fondi a disposizione, sia che vengano dal settore pubblico, sia che arrivino da sponsorizzazioni private. A questo si aggiunge una sempre crescente richiesta di nuovi eventi, di contributi, di lavoro manuale, accompagnata spesso da forti critiche (a volte poco costruttive e scarsamente propositive). Da un lato, è positivo il fatto che la Pro Loco venga riconosciuta come uno dei punti di riferimento più importanti del bacino casalasco. Dall’altro, è altissimo il rischio di non poter riuscire, anche volendo, ad arrivare ovunque ci venga richiesto nei tempi e nei modi che ognuno vorrebbe. In questo triennio proveremo a lanciare una sfida alla crisi anche se probabilmente ci vorrà del tempo per vedere i risultati. Abbiamo già iniziato a ripensare l’associazione, ragionando sull’ottimizzazione di alcuni aspetti burocratici (nei limiti consentiti dalla legislazione) e lanciando alcuni segnali alla cittadinanza, in parte già raccolti. Personalmente ritengo che il metodo migliore per portare avanti una tradizione di successo sia la condivisione e la collaborazione che, dove già attuata, ha dato sempre esito positivo. Questa cooperazione però deve sostanzialmente mutare forma nei rapporti con i vari soggetti che compongono il tessuto sociale della città. Servono interlocutori “organizzati” e rappresentativi con i quali dialogare. Stiamo lavorando pazientemente attraverso incontri, confronti (a volte anche aspri) su tanti aspetti, utilizzando ogni forma possibile, dallo scritto alla chiacchierata al bar, dalla carta stampata a Internet. Avendo, meno risorse tutti, se le mettessimo a disposizione della città, insieme, potremmo davvero fare la differenza. Uniti si vince perché, recita un aforisma, “il lavoro di squadra è il carburante che permette a persone comuni di ottenere risultati non comuni”. Abbiamo diversi buoni esempi su questo tema: i “Giovedì d’Estate” per i quali abbiamo trovato una formula di successo garantita dalla presenza dei commercianti che in prima persona hanno investito tempo e denaro per la riuscita dell’evento, portando a casa, credo, ottimi risultati ed importanti indicazioni sulla strada da percorrere. Per la verità qualche lato negativo c’è stato, anche se, come si dice “chi non fa, non sbaglia”. Altri casi da ricordare sono l’Ecofiera, la Festa della Zucca e ChocoMoments, tutti eventi perfettamente riusciti, sui quali però non sono mancati attriti e polemiche. Mettiamo da parte questi ultimi e concentriamoci su un aspetto non secondario: anche altri soggetti stanno iniziando a proporre e realizzare eventi per la città con lo spirito giusto. Restano forse da affinare gli approcci di collaborazione da parte di chi si cimenta in queste nuove avventure e chi come noi lo fa da decenni. Che il loro entusiasmo e la nostra esperienza possano fondersi per essere uno stimolo e non fonte di discussioni che fanno perdere di vista obiettivi e finalità. Tante cose sono state fatte e non da ultime anche quelle tradizionali. La Fiera di Piazza Spagna (un’edizione particolarmente riuscita quest’anno); la Fiera di San Carlo e la Sagra del Cotechino; varie mostre; la partecipazione al volume sul Santuario della Fontana; il patrocinio ad eventi sportivi come la Maratonina ed il Triathlon del Po. Tante altre cose abbiamo in mente di fare per le quali abbiamo bisogno del contributo di tutti. Non serve essere Consiglieri per dare una mano. Fate un giro in sede ogni tanto per vedere quanto lavoro c’è da fare e con quanto entusiasmo lo facciamo. Venite a conoscere la Pro Loco per comprendere il suo funzionamento. Tra l’altro, stiamo lavorando anche per concepire un nuovo metodo di comunicazione basato su Internet: restyling dei nostri due siti, Pro Loco e Casalmaggiore Turismo; utilizzo dei Social Network come Facebook e Twitter per raggiungere, di più e meglio, i giovani (da qualche mese li stiamo sperimentando con ottimi risultati) e realizzazione di applicazioni per i telefoni di ultima generazione in modo da integrare le informazioni dei siti e renderle consultabili globalmente ed in totale mobilità. Dal punto di vista della partecipazione poi stiamo pensando ad una newsletter da attivare per i soci a partire dal tesseramento 2013, in modo da tenere aggiornati tutti in modo costante ed efficace. Di carne al fuoco ce n’è tantissima. Siamo volontari e lo facciamo per la nostra città. Vogliamo lavorare insieme a voi e quindi vi aspettiamo per consigli e suggerimenti, e soprattutto per darci una mano. Con questo auspicio, colgo l’occasione per formulare, a nome della Pro Loco, un sincero augurio di buon Natale e felice anno nuovo perché porti maggiore serenità ai casalaschi e tante belle iniziative e novità! A risentirci al prossimo numero!

Marco Vallari
Presidente Pro Loco Casalmaggiore

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...