Stamattina ho avuto occasione di fare un servizio con la Protezione Civile in piazza Garibaldi per circa tre orette. Tralasciando il caldo atomico, costretto com’ero nella divisa, non ho potuto fare a meno di osservare attentamente, e per tutta la mia permanenza in piazza, i risultati della riapertura al traffico la domenica mattina. Non vorrei girare il coltello nella piaga o innescare nuove polemiche però non posso fare a meno di segnalare che:

1) di pedoni in piazza se ne vedono pochini (famiglie men che meno) se non la clientela storica dei bar, che ci va a prescindere dall’uso dell’auto o meno;

2) una miriade di ciclisti che imboccano contromano qualsiasi via possibile ed immaginabile senza curarsi delle automobili che li sfiorano;

3) automobili che sfrecciano tranquille spesso con manovre poco ortodosse girando intorno all’anello della piazza e diverse che imboccano via Cairoli contromano in retro per evitare di fare il giro;

4) scooter e moto idem come al punto 3;

5) auto, moto e scooter di cui ai punti 3 e 4 sono, spesso, sempre le stesse persone che vagano in macchina e moto senza una meta precisa;

6) totale assenza di controllo da parte delle forze dell’ordine salvo sporadici passaggi veloci dei carabinieri.

Conclusione? Rimango assolutamente convinto del fatto che la riapertura di Piazza Garibaldi al traffico non giovi a nessun cittadino ed a nessun esercizio pubblico. Con buona pace di chi sostiene il contrario.

Annunci