Beh non c’è male… da venti giorni circa percorro quotidianamente l’Asolana da Casalmaggiore a San Giovanni in Croce e ritorno, in orari “d’ufficio” con la mia pandina azzurra ed ho già rischiato la pelle almeno la metà delle volte. Non avevo veramente idea di cosa volesse dire viaggiare in quel tratto. Ragazzi attenzione!!! Lì ci sono i pazzi al volante! Moto, auto di grossa cilindrata, anche piccole utilitarie spinte a velocità assurde. I novanta sono un optional ed il rispetto del codice stradale idem. Francamente mi darebbe molto fastidio farmi del male per colpa di un imbecille con l’Audi che mi arriva sotto ai 160, non frena nemmeno e poi mi sorpassa rischiando il frontale con l’imbecille col BMW che sopraggiunge senza rallentare, limitandosi a sfanalare come se i fari fossero un laser inceneritore che distrugge ogni ostacolo. L’altro ieri due Peugeot molto “tamarre”, una rossa ed una blu, facevano le gare e tentando di sorpassarmi a momenti si scontrano fra loro e mi cacciano nel fosso a lato. Io non sono uno stinco di santo e non vado pianissimo, però se sotto il culo ho una Panda, cerco di adeguare la mia velocità sia alla strada in cui mi trovo, sia al tipo di macchina che guido. Ultimo rischio in ordine di tempo? Un tizio (che spero legga il mio blog così saprà che lo reputo un emerito idiota), all’altezza di Martignana, con una moto blu  mi si è affiancato e mi ha superato in impennata. Non era neppure capace e continuava a sbandare superando anche le altre due auto di fronte a me… Poi non riusciva più a tirar giù la moto e sempre su una ruota continuava a spostarsi verso sinistra. Solo all’ultimo secondo ha evitato il Tir che stava arrivando rischiando per giunta di volare nel fosso dalla parte opposta. Penso che scriverò una bella lettera ai comandanti di Polizia e Carabinieri perchè non è possibile affrontare quotidianamente una banda di delinquenti simili. Ricconi con auto spaziali e tamarri con macchinine quasi telecomandate che se ne fottono di chi hanno intorno e nella peggiore delle ipotesi provocano incidenti gravi ed inutili. Qualche pattuglia in più in giro quindi e che i pazzi del volante abbassino la cresta. Ma forse definirli pazzi è troppo poco. Coglioni suona meglio.

Annunci