Di seguito il comunicato che ho diramato insieme a Titta Magnoli, segretario provinciale del PD di Cremona: “L’ipotesi che il Governo, con l’assenso di Formigoni (che si rimangia clamorosamente le dichiarazioni fatte durante la campagna elettorale), costruisca una delle quattro centrali nucleari previste proprio nel nostro territorio, è sempre più concreta. Già mesi fa il PD di Casalmaggiore aveva lanciato l’allarme ritenendo a rischio il casalasco ed il viadanese come possibili luoghi scelti per il sito. Adesso il pericolo di avere nell’Oglio Po una potenziale fonte di inquinamento così pericolosa, è quanto mai reale. E’ nostra intenzione lanciare un dibattito su questo tema, con la convocazione in tempi brevissimi di un’assemblea aperta alla cittadinanza sulle ripercussioni del nucleare: coinvolgeremo parlamentari, consiglieri regionali ed esperti. Riteniamo infatti inaccettabile la scelta di scommettere sul nucleare dimenticando di investire invece sulle fonti alternative e rinnovabili, che sono il vero futuro della frontiera energetica. Come Partito Democratico provinciale e di Casalmaggiore lanciamo quindi una mobilitazione, convocando tutti i circoli del circondario casalasco, oltre a quelli del territorio circostante, compreso il viadanese ed il mantovano. Inizieremo appoggiando il sindaco casalese Claudio Silla e l’Amministrazione nella sua opera di controllo sul passaggio delle scorie nucleari sul territorio casalasco e proseguiremo l’opera sensibilizzando la cittadinanza.”

Annunci