Le forze dell’ordine sono entrate nel complesso del vecchio ospedale il mattino presto ed hanno trovato dei giacigli oltre a evidenti segni di ingressi non autorizzati nell’area. In questi giorni ricevuto anch’io diverse segnalazioni di movimenti sospetti e sono contento della rapida risposta delle istituzioni. Non sono però soddisfatto di come l’ASL, nonostante le ripetute sollecitazioni da parte di questa e delle passate Amministrazioni Comunali, sta gestendo la zona che, pur essendo appunto privata, appartiene, almeno nel sentimento popolare, a tutta la gente di Casalmaggiore. Lì ci sono nato e come me anche tre quarti dei casalaschi. Mi piace sapere, ma non avevo dubbi, che i cittadini tengono molto a questi edifici del centro di Casalmaggiore ed auspico che la proprietà trovi quanto prima una soluzione per riqualificarli. Non si può lasciare in mano ai delinquenti. Come abitanti di Casalmaggiore abbiamo il dovere di attivarci e fare pressione insieme al Comune affinchè partano finalmente dei lavori per far ritornare dignitoso il vecchio ospedale anche se con altre funzioni. La Chiesetta è già a posto ed è bellissima. Adesso però la palla passa all’Azienda Sanitaria Locale che potrebbe utilizzarla ad esempio per riportare in centro alcuni servizi ora dislocati presso l’Oglio Po e quindi trasferirsi in una posizione più comoda di quella attuale in via Porzio. Dietro al vecchio ospedale c’è anche un bel parcheggio che è sicuramente una risorsa in più. Non mi basta che vengano alzati nuovamente muri o barriere ma chiedo all’ASL un’assunzione di responsabilità per non lasciar decadere ulteriormente lo stabile. Saranno anche parole già dette e sentite però non smettiamo di insistere.

Annunci